UN PASSO DECISIVO VERSO UN MARKETING RESPONSABILE

ALDI cerca ogni giorno di consentire al cliente, attraverso il cosiddetto marketing responsabile, di adottare decisioni di acquisto consapevoli, contribuendo alla sensibilizzazione sul tema del benessere. Il marketing responsabile di ALDI abbraccia tutte le attività di marketing gestite dalla stessa. Di primaria importanza la trasparenza dell'etichettatura e della pubblicità, come strumenti per rafforzare la consapevolezza del consumatore e acquisire la sua fiducia.

L'osservanza delle disposizioni di legge rappresenta per noi un presupposto fondamentale.


Requisiti e misure

Regole per le etichette

  • Elemento essenziale è un'etichettatura dei prodotti chiara e trasparente
  • Pubblicizziamo come "naturali" soltanto prodotti alimentari contenenti a tutti gli effetti ingredienti naturali.
  • Sulla confezione del prodotto sono raffigurati soltanto gli ingredienti principali utilizzati e i relativi prodotti di accompagnamento, come ad esempio il latte nel caso di un muesli.

Regole per la promozione di alternative più consapevoli

  • Frutta e verdura: promozione sistematica attraverso tutti i canali pubblicitari (ad es. volantino, sulla website aldi.it ovvero sulla website dedicata alla responsabilità d'impresa oggiperdomani.it);
  • Accento su prodotti che favoriscono un sano comportamento alimentare (come per es. prodotti in private label riformulati rispetto al contenuto di zuccheri aggiunti, grassi o sale);
  • Informazioni sistematiche nei volantini riguardo a prodotti biologici, certificati come ad esempio quelli di FAIRTRADE, frutta e verdura, a prodotti per esigenze alimentari specifiche come ad es. prodotti senza glutine, prodotti senza lattosio, prodotti vegani e simili;
  • Informazioni dettagliate in tema di "benessere e lifestyle" sui media online (ad es. alimentazione sana, esigenze alimentari specifiche, sport, ricette);
  • Pubblicazione sistematica di ricette su un'alimentazione equilibrata sulla website oggiperdomani.it (ad es. presentazione di frutta e verdura, ricette vegane e vegetariane, dolci con pochi zuccheri aggiunti e bevande non zuccherate);
  • Per offrire ai nostri clienti la possibilità di adottare decisioni di acquisto consapevoli, all'avancassa di ciascun punto vendita vengono proposte anche scelte di consumo più sane (ad es. frutta a guscio, gallette di riso e simili). In tal modo si permette al cliente di scegliere un prodotto in modo più consapevole.

Rifiuto di divulgare messaggi pubblicitari ingannevoli

  • In tutte le nostre attività di marketing controlliamo che il messaggio pubblicitario sia chiaro e inequivocabile, evitando messaggi o promesse salutistiche non ammesse, eccessive o ingannevoli;
  • Non pubblicizziamo come "naturali" prodotti alimentari contenenti additivi di sintesi, bensì soltanto prodotti contenenti a tutti gli effetti ingredienti naturali.

Regole sulla rappresentazione delle persone

  • Promuoviamo la diversità della nostra clientela e ne teniamo conto anche nel nostro modo di fare marketing, evitando gli stereotipi.

Regole per il marketing rivolto ai bambini (persone minori di 14 anni)

  • La rappresentazione di bambini per promuovere prodotti deve avvenire prevalentemente in relazione a prodotti "sani" come frutta e verdura oppure ad articoli non-food. Rinunciamo ad accostare in maniera eccessiva bambini per promuovere prodotti quali dolci, snack o prodotti contenenti molti zuccheri (ad es. muesli, barrette ai cereali, nettari di frutta e tutte le bevande aromatizzate e gassate) e valutiamo quando è preferibile utilizzare adulti in luogo dei fanciulli.
  • I prodotti per bambini non possono essere pubblicizzati sulla stessa pagina dedicata agli alcolici.
  • Nell'individuare quando un prodotto è destinato ai bambini, utilizziamo molteplici parametri, come, ad esempio:

    1. scritta "Kids"/ "per bambini"
    2. forma particolare (ad es. la forma di un animale)
    3. rappresentazione appariscente (ad es. personaggi di fumetti)
    4. rappresentazione giocosa (ad es. confettino al cioccolato con zampette)
    5. sorprese (ad es. figurine, concorso a premi per giocattoli)
    • Rinunciamo ad attività di marketing presso scuole che prevedano di invitare direttamente i bambini all'acquisto di prodotti.

    Regolamento per la vendita e la pubblicità di alcolici

    • Gli alcolici vengono venduti soltanto ai soggetti che hanno compiuto l'età minima prevista dalla legge per il consumo di alcol (18 anni). Ciò è garantito mediante verifica dell'età presso le casse. In caso di dubbio, qualora non sia possibile chiarire inequivocabilmente l'età sulla base del documento d'identità esibito, viene negata la vendita di bevande alcoliche ai giovani.
    • Sui canali pubblicitari indirizzati specificatamente ad un pubblico giovane (ad es. social media), nella pubblicità di bevande alcoliche deve essere inserito un avviso ["Bevi responsabilmente. Non vendiamo bevande alcoliche ai minori di 18 anni."].
    • Nel volantino gli alcolici non devono essere rappresentati di dimensioni maggiori rispetto agli altri prodotti, salvo il caso di eventuali specifiche promozioni, chiaramente individuabili come tali, mirate e organizzate una o due volte all'anno.

Seguici su Facebook
Seguici su Facebook
 
NOVITÀ
NOVITÀ
 
Rapporto CR 2017
Rapporto CR 2017